• -15%

Zena 1814

9,90 €
8,42 € Risparmia 15%

Andrea Acquarone

Quantità
In Stock

  • Tutti i titoli presenti nel nostro shop online sono editi dalla casa editrice F.lli Frilli che ne garantisce la qualità di stampa e di confezione. Tutti i titoli presenti nel nostro shop online sono editi dalla casa editrice F.lli Frilli che ne garantisce la qualità di stampa e di confezione.
  • La spedizione dei titoli ordinati è a totale cura della casa editrice che si occuperà dell'imballo e dell'invio tramite corrieri fidati rispettando i termini di consegna, La spedizione dei titoli ordinati è a totale cura della casa editrice che si occuperà dell'imballo e dell'invio tramite corrieri fidati rispettando i termini di consegna,
  • Qualora il prodotto consegnato sia fattibile di sostituzione (pacco  danneggiato o altro) verrà sostituito  con altro senza ulteriori spese aggiuntive.  Qualora il prodotto consegnato sia fattibile di sostituzione (pacco danneggiato o altro) verrà sostituito con altro senza ulteriori spese aggiuntive.
PayPal

Nell’era della globalizzazione, mentre sono in atto forze che tendono a uniformare non solo le convenzioni commerciali, ma anche il legato culturale dei popoli, diventa fondamentale riscoprire l’appartenenza a quelle “nazioni naturali” forgiatesi nei secoli. Il racconto del modo in cui i liguri persero la loro secolare indipendenza è dunque il primo atto per riappropriarsi della memoria storica e del punto di vista di quella stessa nazione, che in seguito non ebbe più modo di far sentire la sua voce. Una lettura affascinante, ricca di emozioni, di immagini e documenti originali, in cui si riprende in mano il filo di un discorso lungo mille anni e consumatosi negli otto mesi fatidici del 1814. Ma che non si è ancora spezzato.

L’autore: Andrea Acquarone (Genova, 1983), studioso di fenomeni economici e politici, ha dedicato gli anni dal 2007 al 2011 all’elaborazione di un modello di economia generale, esposto nel libro La Ricchezza delle Persone e in vari scritti specialistici. Si è occupato in seguito dell’attuazione pratica del modello concentrandosi sulla realtà ligure, fondando il movimento Che l’inse! nell’ottobre del 2013. Attualmente, oltre agli impegni radiofonici e documentaristici, tiene la rubrica settimanale Parlo Ciæo su “Il Secolo XIX”.

25 Articoli

Avvisami quando disponibile