Categorie

Newsletter

L’Italienne. Un tranquillo omicidio borghese Vedi a schermo intero

L’Italienne. Un tranquillo omicidio borghese

Tiziana Albertini Cassinis 

Maggiori dettagli

15 articoli disponibili

4,16 €

Prezzo ridotto!

-15%

4,90 €

In una gelida mattina di dicembre viene trovata morta, nel parco della Têted'Or a Lione, Giselle Szilard, moglie del fisico Eric Szilard, uno degli scienziati più notie rispettati della città. La donna, accasciata davanti alla gabbia delle scimmie con i polsi recisi, è stranamente vestita come una prostituta.La polizia pensa al suicidio, ma Jacques Melykian, commissario in pensione invitato a collaborare alle indagini suo malgrado, ha l'oscura convinzione che Giselle sia stata assassinata. L'autopsia gli darà ragione. Melykian, armeno passionale e intuitivo, inizia la sua indagine in una Lione fredda nelle strade e gelida nei rapporti  sociali, dove l'amore e il senso di giustizia soccombono all' “apparenza”, il tabù che governa le relazioni esangui di un'alta società al di sopra di ogni sospetto.Scopre presto che il professor Szilard aveva una bella e giovane amante italiana.Colta, fascinosa e piena di vita, Isabella Leone apre il suo cuore al poliziotto e gli racconta la relazione con il celebre scienziato, un labirinto erotico e cerebrale ai limiti della follia. Melykian ricostruisce la parte più oscura di questo rapporto, la collaborazione di Szilard con lo psichiatra Alfred Berg per creare programmi basati sul metodo Elisa e usare l'immagine di Isabella come bambola virtuale per un raffinato gioco erotico da condividere con gli amici.Basta questo per far sospettare Szilard e la sua amante di aver ucciso la povera, banale Giselle dopo averla costretta a vestire i panni di una prostituta? Il commissario non si lascia sedurre dal fascino torbido di questo apparente ménage à trois e scava anche nel passato della vittima. L'inchiesta lo porterà sull'isola del sud-est della Francia,Porquerolles, dove lo stesso Jacques Melykian si è ritirato a vivere a bordo della sua barca a vela e che sembra così lontana da quell'”apparenza” che sempre nasconde un pensiero malvagio o un delitto.